Categorie
Stampa/Informazione

Anche la stampa non è più quella di una volta (grazie a Google e Facebook)

Internet ha cambiato anche il mondo della stampa (molto più radicalmente e profondamente di quanto non si voglia credere).

Una volta un giornale era composto da una redazione che scriveva le notizie, le mandava in tipografia in modo che venissero stampate su carta, e poi distribuiva il giornale cartaceo nelle edicole. I lettori andavano in edicola e cercavano o il giornale che più gli piaceva, o quello che conteneva le notizie da loro ritenute più interessanti. Oramai sul web invece è tutto cambiato…

Ho avuto modo infatti di fare diverse esperienze in questo campo (compreso il nuovo sito de Il Risveglio) ed ho accumulato un po’ di dati molto interessanti a tal proposito. Dalle analisi di questi dati è emerso che:

  1. la principale fonte di accesso ai siti web di informazione sono i motori di ricerca (perchè oramai la gente cerca le notizie e le informazioni su Google…), tanto che questa fonte porta più del doppio del traffico di tutte le altre messe insieme!
  2. la seconda fonte di accesso, insieme agli “accessi diretti” (ovvero a chi si mette il sito nei preferiti), sono le notizie pubblicate sui social network;
  3. le altre fonti di accesso sono praticamente irrilevanti.

Ciò a mio parere dimostra che l’utente medio di Internet fa sempre più o meno le stesse cose, quando si tratta di informazione: cerca su Google, oppure clicca se trova la notizia che gli interessa su Facebook (o Twitter). Se il sito su cui la trova gli piace se lo mette nei preferiti in modo da tornare a visitarlo in seguito per leggere altre notizie. Tutto qua. Il resto, tranne le dovute eccezioni, non conta quasi nulla.

Bel cambiamento, vero? Pensateci bene: della vecchia modalità di fruizione delle notizie non è rimasto più nulla. E’ tutto un altro mondo… in buona parte ancora da scoprire!


Iscriviti al mio canale Telegram per ricevere le notifiche dei futuri post su questo blog: t.me/marcocavicchioliufficiale.