Cerco soci operativi per un’agenzia di raccolta pubblicitaria online

25 settembre 2017

Come alcuni di voi sapranno sono l’editore ed il direttore de ilBitcoin.news, la principale rivista specializzata italiana sul Bitcoin e le criptovalute. Ma in realtà questo blogazine, insieme al mio sito personale e ad altri blogazine, fa parte di un network di informazione e divulgazione che sto mettendo su: TheNew.Press. Sono magazine tematici molto “verticali”, che si rivolgono a target molto specifici.

L’obiettivo è quello di vendere native advertising, ma ci manca un pezzo: l’attività di vendita vera e propria. Pertanto sto cercando dei soci operativi con cui creare un’agenzia di raccolta pubblicitaria per i blogazine del network.

Non cerco finanziatori (il network rimane di mia proprietà, e gli investimenti li faccio io), ma un team operativo che si occupi del reparto vendita (online). Insomma vorrei affidare a qualcuno l’intero sviluppo del business, e vorrei affidarlo a soci operativi con i quali creare un’agenzia di raccolta pubblicitaria.

Preferisco cercare dei soci perchè io non sono assolutamente in grado di occuparmi di business development in questo campo (la raccolta pubblicitaria), quindi sto cercando qualcuno che sia in grado di farlo da zero e con un elevato grado di autonomia: io mi “limiterei” a metterci i blogazine (ovvero gli spazi pubblicitari da vendere). Tuttavia vorrei lo stesso avere un ruolo nell’agenzia pubblicitaria che si verrebbe a creare perchè di fatto il network è una mia creatura e voglio mantenerne il controllo. Inoltre potrebbe essere necessario immaginare di dover coinvolgere più persone in questa attività, soprattutto in prospettiva futura (voglio allargare parecchio il network, se c’è mercato), ma vorrei mantenere la struttura operativa snella: per questi motivi in questo momento preferisco cercare soci operativi, piuttosto che lavoratori.

Grazie al ilBitcoin.news è possibile iniziare ad operare fin da subito, anche se vorrei che questo fosse solo l’inizio di un percorso che non si limiti ai pochi blog già attivi, ma che preveda anche di crearne di nuovi qualora ve ne siano le possibilità (e le opportunità).

La native advertising è nata qualche anno fa negli USA, e inizia a diffondersi anche in Italia. Anzi, negli USA nel 2016 ha superato la tradizionale pubblicità display per fatturato, e nei prossimi anni dominerà il mercato pubblicitario dell’editoria online. Credo che sia questo il momento adatto a provare ad iniziare a sfruttarla anche in Italia, perchè in questo momento la concorrenza è ancora pochissima e perchè invece tra qualche anno potrebbe non esserlo più.

Chi volesse saperne di più mi contatti via email. Grazie.

PS: NON è una cosa facile! 😉

Commenti