Categorie
Segnalazioni

Cloud Storage

Vi è mai capitato di perdere dati importanti perchè vi si è rotto un computer, o ve lo hanno rubato? I computer, è vero, si ricomprano, ma i dati che ci sono al loro interno?

Solitamente è sufficiente salvarli regolarmente su un altro dispositivo di backup, ma il backup difficilmente è aggiornato, bisogna ricorarsi di farlo (o di programmarlo), ed è molto lento da ricaricare in caso di perdita di dati. Per non parlare del fatto che ogni dispositivo ha bisogno del proprio backup…

C’è una soluzione molto più semplice: il Cloud Storage. Ovvero: salvare i propri file su un server remoto, protetto da password, con un software che ne tenga una copia aggiornata sul proprio computer. A quel punto non solo non bisogna fare più nulla per ricordarsi di salvare i dati (che verranno automaticamente salvati sia sul computer che sul server remoto), ma si ha sempre a disposizione una copia completa dei dati su qualsiasi altro computer, o smartphone, o tablet (basta avere la password).
Così se il computer si rompe, o se ve lo rubano, inserite la password su un altro computer e “magicamente” vi ritrovate tutti i dati. E, se dovete comprare un computer nuovo, per spostare i dati vi basterà inserire la password del vostro cloud storage sul nuovo PC.

Questa tecnologia è utile soprattutto alle aziende, visto che il furto, lo smarrimento o la rottura di un computer aziendale è pià frequente rispetto a quella di macchine per uso personale. Inoltre le aziende hanno spesso molti computer, e spesso devono condividere files tra un computer e l’altro. Senza contare che il turnover del personale può facilmente portare ad avere bisogno di trasferire in blocco i dati di un computer su un altro.

Ma il Cloud Storage non è affatto facile da configurare e gestire (sia per banali problemi tecnici che per ovvi problemi di sicurezza). E’ di gran lunga conveniente affidarsi a professionisti esperti del settore prima di prendere la decisione di spostare tutto “sul cloud”.

Tuttavia vi do un consiglio: se state ragionando sulla convenienza (o meno) di portare i vostri dati sul cloud, nei vostri ragionamenti metteteci anche gli strumenti di gestione di questi dati. Ad esempio: software gestionale, CRM, sito web, posta elettronica, ecommerce, agenda/calendario, eccetera. D’altronde se fate una cosa… fatela bene. Il mio consiglio è di portare TUTTO sul cloud, così da avere sempre TUTTO a disposizione su qualsiasi dispositivo, ovunque siate, e senza dovervi preoccupare di fare alcun backup. Questa sì che è comodità!!!

 

Commenti