Comprare sito web avviato

25 Mag 2016

avviatoA volte, al posto che perdere tempo nella creazione di un sito web da zero, potrebbe convenire acquistare un sito web già fatto ed avviato.

Non sto parlando dell’acquisto di un dominio internet registrato da qualcunaltro, ma proprio dell’acquisto di un intero sito già realizzato, pubblicato ed avviato. Il vantaggio è duplice:

  1. non dovete impiegare risorse nella realizzazione
  2. l’acquisto può essere immediato.

Quindi non è solo una questione di fretta: è vero che acquistare un sito già fatto consente di accorciare enormemente i tempi, ma spesso si ottiene anche un altro importante risultato. Infatti chi realizza siti per venderli in genere li “avvia” anche. Ovvero non si limita a realizzare un sito per poi metterlo in vendita una volta pubblicato, ma lo gestisce per un po’ di tempo per fargli acquisire popolarità (e visitatori) prima di venderlo. Insomma spesso un sito web già avviato funziona già!

Ma dove acquistarli? Il sito di riferimento è Flippa.com, ma è solo in inglese e non adatto al mercato italiano.
In Italia invece il mercato se lo contendono in particolare due realtà:

Come funziona l’acquisto? In realtà dipende dal venditore, nel senso che in teoria dovrebbe essere relativamente semplice, ma non sempre lo è (per colpa di chi vende).

In teoria voi non dovreste fare altro che mettervi d’accordo con il venditore, pagarlo, farvi inviare l’auth code per registrare il dominio, tutti i file del sito web (compreso quello dell’eventuale database), e tutte le configurazioni da replicare sul nuovo server (come ad esempio gli indirizzi email). Ovviamente starà poi a voi registrare il dominio (lo stesso identico dominio) e creare una replica identica del sito – magari facendovi aiutare da un webmaster…

Tuttavia questa prassi funziona bene solo se il venditore è disponibile a darvi tutti i dati (compresi i file ed il database, oltre all’auth code). Fate attenzione, perchè qualcuno potrebbe anche fare il furbo e non darvi tutto (come ad esempio eventuali liste di email degli utenti registrati)!

In teoria il venditore potrebbe anche limitarsi a darvi le credenziali di accesso alla gestione del sito, continuando ad ospitarlo sul proprio hosting, ma vi sconsiglio caldamente questa opzione perchè così di fatto il sito rimane nella piena disponibilità di chi ve lo vende (che così vi venderebbe solo la “gestione” del sito, e non l’intero sito)! Ovvero in futuro potrebbe fare il furbo (visto che lo ha già fatto dandovi solo le gestione…) e chiedervi prezzi molto elevati per l’hosting, o la manutenzione. Se comprate un sito… compratelo tutto! Che diventi tutto (esclusivamente) vostro.

Quindi se trovate un venditore serio acquistare un sito già avviato è di sicuro un ottimo sistema per “andare online” molto velocemente. L’importante però è che il venditore sia una persona seria ed affidabile. Ricordatevi inoltre che molto spesso il tempo e le risorse necessarie per avviare un sito sono davvero molte. In altri termini acquistare un sito già fatto non solo risolve molti problemi, ma consente anche di ottenere risultati immediati, con uno sforzo davvero minimo.

Se acquisterete un sito già avviato però fate attenzione alle seguenti cose:

  1. fate un vero e proprio contratto di vendita, in cui scrivete esattamente cosa state comprando (compresi i dati del sito);
  2. chiedete bene al venditore che caratteristiche deve avere il server su cui andrete ad ospitare il sito in modo da non avere “sorprese” o malfunzionamenti;
  3. assicuratevi che il venditore vi consegni TUTTI i dati del sito;
  4. fate la registrazione del dominio per ultima, ovvero solo dopo aver ricevuto tutto il resto: appena inserirete l’auth code il vecchio sito sparirà (di colpo) e se voi non avete già tutto pronto per mandare online quello nuovo (ovvero lo stesso identico sito, ma sui vostri server) il sito andrà offline!
  5. fatevi aiutare da un webmaster competente (o, al massimo, dal venditore, se è in grado di farlo);
  6. fatevi consegnare anche le credenziali di accesso a tutte le eventuali pagine del sito sui social network (non solo Facebook, Twitter e Instagram, ma anche eventualmente YouTube, Google Plus, Linkedin, eccetera);
  7. e, soprattutto, cambiate tutte le password di accesso non appena manderete online il sito sul vostro server (comprese tutte quelle dei profili social).

Come al solito sono sempre disponibile via email per qualsiasi dubbio, consiglio o domanda.

 

Commenti