Categorie
Economia e Finanza

Esistono 2 Italie: una che funziona, ed una che soffre

Su IlSole24Ore di sabato scorso Gian Mario Gros-Pietro ha scritto un articolo che rende evidente l’esistenza nel nostro paese di 2 Italie: una che lavora e produce, ed un’altra che soffre.

La prima è un’Italia che:

  • innova
  • lavora e produce (senza perdersi troppo in parole)
  • vende all’estero (tra mille difficoltà).

E’ un’Italia che non ha paura di competere con il resto del mondo, perchè nel corso del tempo, lavorando, è diventata sempre più forte, competitiva, quasi imbattibile.

Parallelamente invece esiste una seconda Italia che:

  • non innova o perchè si ritiene pregiudizialmente “superiore” a tutti gli altri, o perchè ha paura del cambiamento
  • lavora male e produce poco, perchè non ritiene che lavorare e produrre sia una priorità assoluta
  • è chiusa su sè stessa perchè non ha la capacità di guardare oltre il confine del proprio orticello.

La domanda è: quale delle due Italie vi piace? In quale preferireste vivere? E di quale sentite di far parte?

Io non ho (e non ho mai avuto dubbi): preferisco l’Italia che innova, senza paura di cambiare, che lavora per produrre, e non solo per prendere uno stipendio, e che non si spaventa di fronte alle sfide della globalizzazione. Ma temo di essere in minoranza…


Iscriviti al mio canale Telegram per ricevere le notifiche dei futuri post su questo blog: t.me/marcocavicchioliufficiale.

Commenti