Farsi conoscere grazie alle notizie sui giornali

20 Gennaio 2016

125832240-paper-cup-good-news-surprised-headlineSarebbe bello che i giornali parlassero di te, o della tua attività, vero?!

Eppure – come sa benissimo chi ci ha già provato – non è per nulla semplice farsi pubblicare una notizia dai giornali… Non è impossibile, ma è molto difficile. Tuttavia c’è un’importante novità al riguardo di cui non tutti sono ancora a conoscenza.

Infatti alcune testate stanno iniziando ad offrire un nuovo servizio online: la pubblicazione di articoli su richiesta. Perchè proprio online e non ad esempio sulle versioni cartacee?

Il problema del cartaceo è che lo spazio per le notizie sulla versione cartacea è limitato: ce ne stanno solo un preciso numero, tolti gli spazi pubblicitari, e quindi vengono pubblicate solo quelle scelte dalla redazione. Online invece questo limite non c’è (perchè lo spazio è virtualmente infinito), e quindi è possibile aggiungere alle notizie scelte dalla redazione quelle pubblicate su richiesta.

A dire il vero in Italia i giornali online che offrono questo servizio sono ancora pochissimi (io qualcuno lo conosco, ma stanno sulle dita di una mano), ma credo che sarà un servizio che si diffonderà sempre di più (all’estero si sta già diffondendo). Ed utilizzando questo servizio diventerà decisamente più semplice farsi conoscere con notizie pubblicate sui giornali!!!

Detto questo vorrei però provare a spiegarvi perchè se inviate un comunicato stampa ad una redazione di un giornale avete davvero pochissime probabilità che questo venga pubblicato.
Infatti le redazioni dei giornali non pubblicano tutte le notizie, o tutte le informazioni, che hanno. Per ragioni di spazio fanno un’accurata selezione (anche online, dove il problema dello spazio non c’è, ma c’è sempre quello dell’impegno nel doverle scrivere e pubblicare). Fidatevi, è assolutamente inevitabile: le redazioni dei giornali selezioneranno sempre le notizie da pubblicare.

E quali sono i criteri che vengono comunemente utilizzati per selezionare le notizie? Semplice: la maggior parte delle volte vengono selezionate quelle che presumibilmente potranno avere un maggior numero di lettori. Certo, le notizie considerate “importanti” in genere vengono comunque pubblicate sempre, ma sono anche sempre molto poche… Le restanti vengono selezionate soprattutto in base al criterio di “notiziabilità” (che è in gergo tecnico la parola che sta a significare la potenzialità che ha una notizia di attrarre un elevato numero di lettori).

Quindi se il vostro comunicato stampa non è “notiziabile” molto probabilmente non verrà pubblicato. In realtà non ci sono dei criteri precisi per decidere cosa è notiziabile, e cosa no: tutto sta nella sensibilità della redazione, e del direttore, e nella loro capacità di “prevedere” quali notizie abbiano maggiori probabilità di essere lette da un gran numero di persone. Però con il tempo e l’esperienza si impara… quindi molte redazioni, e molti direttori, sanno molto bene cosa è notiziabile, e cosa invece no.
Il punto chiave è che molto raramente i comunicati stampa che arrivano nelle redazioni dei giornali sono notiziabili! Anzi, a dire il vero è talmente raro che possiamo dire che in genere i comunicati stampa NON sono notiziabili (e questo è il motivo per cui non vengono pubblicati).

Pertanto se inviate tonnellate di comunicati stampa, ma nessuno ve li pubblica, non stupitevi: questa semplicemente è la norma. L’unica soluzione sono le notizie pubblicate a richiesta (sui giornali che offrono questo servizio).

Attenzione però perchè questo nuovo servizio è molto diverso da quello della pubblicazione di un comunicato stampa. Infatti le notizie a richiesta vengono scritte dal giornale, ed il comunicato stampa può essere al massimo solamente lo spunto dato al giornale per scriverla. Quindi per prima cosa dovete chiedere al giornale se offre questo servizio, e, se sì, dovete farvi dire con precisione quali siano i requisiti per farsi pubblicare una notizia a richiesta, e quale sia la procedura esatta per poter procedere (ogni giornale ha la sua).

Come al solito per ogni dubbio o informazione a riguardo scrivetemi via email, tanto io rispondo sempre a tutti!

 

Commenti