Categorie
Internet Webmarketing

I siti web a trazione anteriore funzionano meglio di quelli a trazione posteriore

Possiamo immaginare di suddividere i siti web in due categorie: quelli a “trazione anteriore”, e quelli a “trazione posteriore”.

I siti web con trazione posteriore tendono ad andare quasi solo dritti, perchè le ruote davanti, che sono quelle che sterzano, non hanno trazione. E’ quindi molto difficile direzionarli: vanno un po’ dove gli pare e solo se si è fortunati arrivano fino al traguardo (molto più spesso si perdono prima perchè non si riesce a fargli prendere la strada giusta).

I siti web con trazione anteriore invece hanno la trazione sulle ruote sterzanti. Ovvero li si può fare andare esattamente dove si vuole. Basta solo avere una mappa corretta del percorso, e sapere dove è situato il traguardo: a quel punto è sufficiente mettere benzina e schiacciare sull’acceleratore.

Infatti i siti web a trazione posteriore sono quelli che vengono realizzati con l’obiettivo di promuovere online qualcosa: un prodotto, un servizio, un catalogo, un’attività, un ecommerce. Questi siti in genere comportano costi relativamente elevati, soprattutto quando si tratta di promuoverli per far sì che vengano visitati, perchè utilizzano tecniche push (ovvero “di spinta”). E se queste tecniche non funzionano c’è ben poco da fare…

Invece quelli a trazione anteriore sono quelli realizzati con la tecnica del “triangolo d’oro del web”:  si parte dall’analizzare cosa richiede il mercato, e si creano in modo da rispondere alla perfezione a queste richieste. Utilizzano soprattutto tecniche pull (ovvero “di attrazione”), e possiamo definirli “a trazione anteriore” perchè si parte dall’obiettivo (l’esigenza dell’utente), e si risale indietro fino al punto di inizio (il sito web stesso). In questo modo si individua con perfezione il percorso da seguire e si conosce perfettamente l’obiettivo: basta mettere benzina e schiacciare sull’acceleratore.

 


Iscriviti al mio canale Telegram per ricevere le notifiche dei futuri post su questo blog: t.me/marcocavicchioliufficiale.