Categorie
Innovazione

Ti piacerebbe usare un computer quantistico? Ora si può!

computer quantisticoNo, non è una bufala!

La IBM infatti possiede un computer quantistico a 5 qubits. E’ situato nel laboratorio di Yorktown Heights, a New York, ma ha deciso di metterlo a disposizione del pubblico via Internet, grazie ad un servizio online, denominato “Quantum Experience”, che consente a chiunque di inviare una richiesta di utilizzo.

In realtà saranno accettate soprattutto richieste di ricercatori, studenti universitari ed appassionati di scienza, che potranno utilizzare l’immensa potenza di calcolo del computer quantistico per eseguire esperimenti a distanza.

Per chi non lo sapesse i computer quantistici sono macchine di calcolo che non utilizzano i normali microprocessori al silicio, ma nuovi processori (di dimensioni ancora considerevoli) che sfruttano le proprietà quantistiche delle particelle subatomiche per fare molti più calcoli in molto meno tempo, e per risolverli in modo totalmente nuovo. La loro potenza di calcolo è strabiliante, migliaia di volte superiore a quella degli altri supercomputer, e non usano i normali bit: usano i qubit, che sono dei bit quantistici che possono assumere sia i tradizionali valori 0 e 1, sia altri valori (come la straordinaria sovrapposizione simultanea di entrambi i valori di base 0 e 1). Insomma, roba da fantascienza!

I computer quantistici però sono macchine estremamente complesse, enormi, e difficili da far funzionare (per ora nessuno è ancora riuscito nemmeno ad immaginare come poterli ridimensionare e renderli utilizzabili facilmente da chiunque), quindo l’unico modo per sfruttarne le incredibili potenzialità è utilizzare uno di questi servizi di “calcolo da remoto”. Si invia la propria richiesta e, se viene accettata, si riceve una prenotazione per poter inviare alla macchina le istruzioni per eseguire i calcoli. Una volta inviate la macchina le elaborerà, effettuerà i calcoli, e voi riceverete i risultati (ecco perchè sarà utilizzata soprattutto da ricercatori e studenti universitari).


Iscriviti al mio canale Telegram per ricevere le notifiche dei futuri post su questo blog: t.me/marcocavicchioliufficiale.