Categorie
Stampa/Informazione

E se pagassimo i lettori dei giornali?

Secondo voi, se i lettori di un giornale online venissero pagati quando leggono un articolo lo leggerebbero volentieri? E tornerebbero a leggerne altri?

Probabilmente sì, ma non è questo il punto. Il punto è che i giornali devono guadagnare denaro grazie ai loro lettori, non perderne. Ma, perlomeno in teoria, potrebbe esserci una sorta di “soluzione” per fare qualcosa di simile.

Attualmente gli articoli leggibili gratuitamente vengono di fatto pagati dagli inserzionisti pubblicitari. Tuttavia le loro pubblicità spesso risultano molto invasive.

Utilizzando dei token si potrebbe aggirare questo problema.

Infatti, perlomeno in teoria, si potrebbero regalare ai lettori dei token creati dal nulla, ed a bassissimo costo, quando leggono un articolo. I token non avrebbero alcun valore reale di per sè, ma si potrebbe far sì che i lettori possano utilizzarli per acquistare euro in cambio della visione di spot pubblicitari.

Ovvero il lettore legge articoli in cui non c’è pubblicità, così facendo accumula token, che a sua volta può poi convertire in euro se accetta di guardare in un secondo momento spot pubblicitari.

Si tratterebbe di integrare nei siti web esistenti un sistema che assegna token ai lettori, togliendo da essi la pubblicità, e di creare un’altra piattaforma esterna ai siti dei giornali online in cui tali token possono essere spesi per guardare pubblicità in cambio di euro.

Gli euro verrebbero pagati direttamente dagli inserzionisti alla piattaforma, e la piattaforma li distribuirebbe in parte ai lettori che hanno accumulato token e guardato gli spot, ed in parte agli editori che hanno distribuito i token ai lettori.

Tenete presente che già ora sono gli inserzionisti a pagare i giornali, solo che incassano solo gli editori e non i lettori.

Certo, ci sarebbe il serio rischio che qualcuno crei dei bot che si fingano lettori per incassare grandi quantità di denaro fingendo di leggere articoli e guardare spot, ma questa mia idea per ora è solo pura fantasia: qualcuno più esperto di me magari sa come si potrebbe fare in concreto per evitare questo problema.

Togliere la pubblicità dagli articoli, ma senza togliere i finanziamenti degli inserzionisti ai giornali, potrebbe essere un vero e proprio passo in avanti verso il miglioramento dell’esperienza utente sui giornali online.

Resta però da capire se togliere la pubblicità e finanziarsi in questo modo potrebbe davvero convenire agli editori, oppure no.


Iscriviti al mio canale Telegram per ricevere le notifiche dei futuri post su questo blog: t.me/marcocavicchioliufficiale.

Commenti